Game of Thrones S04 Complete Season 4 720p HDTV-PSYPHER | WhatsApp Inc. | Pare-feu

Opera senza autore

Film 2018 | Drammatico +13 188 min.

Titolo originaleWerk ohne Autor
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneGermania
Durata188 minuti
Al cinema3 sale cinematografiche
Regia diFlorian Henckel von Donnersmarck
AttoriTom Schilling, Sebastian Koch, Paula Beer, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci Cai Cohrs, Lars Eidinger, Rainer Bock, Florian Bartholomäi, Hanno Koffler, Pit Bukowski, Ulrike C. Tscharre, Ben Becker.
Uscitagiovedì 4 ottobre 2018
TagDa vedere 2018
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,10 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Florian Henckel von Donnersmarck. Un film Da vedere 2018 con Tom Schilling, Sebastian Koch, Paula Beer, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci. Cast completo Titolo originale: Werk ohne Autor. Genere Drammatico - Germania, 2018, durata 188 minuti. Uscita cinema giovedì 4 ottobre 2018 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 3 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,10 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Opera senza autore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un artista che vive nella Germania occidentale deve fare i conti con la sofferenza vissuta durante il regime nazista. In Italia al Box Office Opera senza autore ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 226 mila euro e 9,5 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,10/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,64
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera à l'ancienne diretta senza tabù e con audacia e finezza hitchcockiane.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 5 settembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 5 settembre 2018

Dresda, 1938. Kurt Barnert ha pochi anni e una passione segreta per la zia Elizabeth, una fanciulla sensibile con cui frequenta i musei, fa lunghe passeggiate e suona il piano. Prodigiosa ma fragile nella Germania nazista non c'è più spazio per le persone come lei. Ricoverata in un ospedale psichiatrico fa appello al cuore del Professor Carl Seeband perché non la sterilizzi ma il suo destino sarà più crudele e preludio di uno sterminio abominevole. Sopravvissuto al bombardamento di Dresda e cresciuto nel blocco dell'Est, Kurt ha un talento per il disegno e apprende gli studi classici imposti dal realismo socialista. Ma l'incontro con Ellie, figlia del ginecologo nazista che ha condannato sua zia, e il passaggio all'Ovest, cambieranno il suo destino artistico e riemergeranno il rimosso.

Liberamente ispirato alla vita di Gerhard Richter, artista tedesco nato a Dresda nel 1932, formatosi nella Germania sovietica e passato a Ovest per amore della pittura astratta, Opera senza autore ritrova Florian Henckel von Donnersmarck e il potenziale romanzesco del suo cinema.

Quella maniera umanista di trattare le pagine nere della storia tedesca e di assumere la dimensione di una favola universale sul totalitarismo. La presenza di Sebastian Koch, drammaturgo sorvegliato in Le vite degli altri e nazista clemente nel Black Book di Verhoeven, ha l'effetto di rinforzare questa idea di cinema à l'ancienne, diretto con audacia e finezza hitchcockiane.

Dopo aver affrontato le ombre della Repubblica democratica tedesca (Le vite degli altri), l'autore attraversa le stagioni di un uomo attraverso le stagioni del suo Paese (nazismo, Guerra fredda, anni Sessanta). Ancora una volta si tratta di un film politico, di quelli che rivisitano la storia della propria nazione senza tabù e testimoniando lo stato adulto della sua società. Alla maniera della sua ispirazione, il film pratica simultaneamente due registri, realismo e astrazione, muovendo da Est a Ovest e affermando il posto della pittura nell'arte contemporanea.

Dell'arte di Gerhard Richter, von Donnersmarck cattura il grigio del piombo e delle ceneri del XX secolo. Il grigio è assenza. Il grigio non ha l'autorità tirannica del nero e nemmeno il bagliore accecante del bianco. In natura, è grigia la cenere, quello che non è, ed è grigia la nebbia, quello che dissimula la vista. La sparizione sembra la sua funzione. Sola eccezione, evidente, è la fotografia. Impero del grigio, almeno fino a quando la chimica dei colori è rimasta incerta, la fotografia è al centro del lavoro di Richter e del film di von Donnersmarck, che arriva forse troppo tardi al cuore del suo proposito, deragliando il film e il suo potenziale nel melodramma iperbolico.

Perché il vero interesse di Opera senza autore dimora a Ovest di sé, nella Germania e nella porzione di film emancipata dalla dittatura commerciale. È lì che il film decolla riprendendo come Richter i ritratti in uniforme della Wehrmacht, della zia condannata dall'eugenetica nazista e del medico colpevole di quella campagna di eutanasia. I quadri del pittore, quello reale e quello finzionale, riproducono sulla tela foto in bianco e nero, il pennello le ricalca e quando la materia pittorica è ancora fresca, Richter/Barnert la graffia con lentezza e uno strumento leggero, un gesto morbido ma sufficiente perché le linee si confondano e le forme perdano la nitidezza. Il risultato sono immagini fantomatiche, frammenti di un inventario autobiografico, di un mondo senza colore. Grigio è il tono della storia della Germania tra il 1933 e il 1945, un grigio tragico che dissimula dietro le ombre brandelli di memoria.

Se Richter dipinge la Storia partendo da fotografie che riproduce sfumandole, von Donnersmarck la interroga dipingendo affreschi emblematici del passato. In entrambi i casi, l'effetto è di costringerci a guardare più da vicino.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 7 ottobre 2018
Francesco Izzo

Il film è bello, ben strutturato, e la storia è coinvolgente emotivamente e razionalmente. Ambientato dagli anni 30 ai 60 del secolo scorso,propone una storia personale appassionante e molto  interessante, che si intreccia con eventi, misfatti, tragedie e dittature incontrandone un'altra e concludendosi con la procreazione a lungo desiderata di un bimbo, simbolo di vita e speranza [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 ottobre 2018
Michele Camero

 Auguro a questo bel film lo stesso destino de “Le Vite degli Altri” opera non a caso del medesimo regista, il cui successo, almeno da noi, venne decretato dal passa parola degli spettatori che ne imposero in pratica il ritorno nelle sale proprio quando la distribuzione ne aveva decretato il fine corsa. Faccio appello ai cinefili perché lo vedano e soprattutto ne facciano promozione [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 ottobre 2018
Flyanto

 Del regista tedesco Florian Henckel von Donnersmarck esce in questi giorni nelle sale cinematografiche la sua ultima pellicola intitolata “Opera senza Autore”, una lunga rappresentazione sulla nascita e lo sviluppo di un artista nella Germania immediatamente precedente al 1945 sino agli anni ’60. La storia riguarda, appunto, il protagonista che viene presentato sin da quando [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 ottobre 2018
goldy

Incredibile i percorsi del gusto creati dal cinema. Film superpremiati e osannati dalla critica lasciano il tempo che trovano quando scendono nell'arena delle sale mentre altri  che   indignano palati più raffinati  sono capaci di  lasciare  poi dietro di sè spunti di interesse e motivi di riflessione. Il regista è più idoneo  per film politici. [...] Vai alla recensione »

domenica 7 ottobre 2018
cardclau

Il regista tedesco Florian Henckel von Donnersmarck nel suo film Opera senza autore cerca giustamente di elaborare una atrocità perpetrata dalla Germania nazista, l’eliminazione dei diversi. Ma non è francese, e si vede perché, è fondamentalmente cupo. Come ricorda lo storico Martin Gilbert sulla sua storia della seconda guerra mondiale [traduco dall’inglese] [...] Vai alla recensione »

martedì 4 settembre 2018
ROBERT EROICA

#Venezia75 - WERK OHNE AUTOR - Concorso - Il regista del pluripremiato e bellissimo "Le vite degli altri" torna con un melodrammone di oltre tre ore che mescola orrori nazisti, aspirazione artistica, madeleine individuali, comunismo e Rdt. Un po' troppa carne al fuoco e un'ambizione che meriterebbe maggior profondita' e una sintassi meno televisiva.

venerdì 5 ottobre 2018
carloalberto

 Guardando Opera senza autore ci immergiamo pian piano nel mondo magico di Henckel von Donnersmarck, entriamo gradualmente nella realtà del protagonista, come lui la vede da bambino, mano nella mano con l’amatissima zia a passeggio in una bellissima Dresda prima dei bombardamenti americani, da adolescente, nell’immediato dopoguerra, tra le macerie materiali e spirituali [...] Vai alla recensione »

domenica 7 ottobre 2018
chiara.ciancia

Davvero stupendooo!!!

venerdì 5 ottobre 2018
toni mais

Dopo appena dieci minuti di proiezione, il film dura 188 minuti, lo spettatore intuisce, anzi ha ben chiara , quella che sarà in età avanzata la musa ispiratrice di Kurt Barnert. A lui occorreranno trent'anni per diventare un mediocre artista. Del resto per chi è vissuto sotto due regimi totalitari, prima quello nazista, poi in quello del realismo comunista è praticamente impossibile diventare un creatore. [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 4 ottobre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Alquanto incomprensibile, oltre che molesta, ci è sembrata la noncuranza con cui alla Mostra di Venezia è stata accolto «Opera senza autore» di Henckel von Donnersmarck, già regista del capolavoro «Le vite degli altri» vincitore dell'Oscar per il miglior film straniero nel 2007. Centrano anche, va da sé, i 188 minuti di durata che hanno favorito l'uso e abuso di definizioni come polpettone, fumettone [...] Vai alla recensione »

domenica 7 ottobre 2018
Eugenio Arcidiacono
Famiglia Cristiana

Nella Germania nazista, Elizabeth accompagna il nipotino Kurt a vedere una mostra di "arte degenerata": la guida si indigna davanti a un quadro di Kandinsky e al suo valore di mercato, ma la zia sussurra sottovoce al bambino che a lei invece piace tantissimo. Purtroppo Elizabeth ha una personalità fragile e ben presto viene rinchiusa in una clinica psichiatrica.

sabato 6 ottobre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Artisti. Il ragazzino viene condotto dalla zia un po' matta -si mette nuda al pianoforte - alla mostra di "arte degenerata" (vernissage: 19 luglio 1937 a Monaco di Baviera). I compassati visitatori commentano, con un po' d'anticipo: "Anche un bambino lo saprebbe fare". Il ragazzino guarda con curiosità i quadri, si capisce che ha un temperamento artistico.

venerdì 5 ottobre 2018
Kate Taylor
The Globe and Mail

Ispirato alla figura dell'artista Gerhard Richter, questo dramma ambientato negli anni della guerra fredda si alterna tra un artista della Germania Est e un eugenista nazista. L'eccentrica zia del piccolo e sensibile Kurt è spedita in un ospedale nazista. Kurt non la vedrà mai più. Una volta cresciuto, da frustrato realista-socialista nella Germania Est, Kurt diventa un confuso modernista in occidente, [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 ottobre 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Melò storico "dal nazismo ai giorni nostri", tre ore e passa dal premio Oscar per La vita degli altri. Un ginecologo nazista del programma di sterminio dei "deboli" diventa onorato primario comunista nella Dresda del dopoguerra, mentre il nipotino diventato adulto di una dolcissima ragazza che il medico fece gasare s'innamora della figlia, fugge con lei nel fermento di Berlino Ovest e scopre quanto [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 ottobre 2018
Luca Mosso
Il Manifesto

Dopo il pasticcio internazionale di The Tourist, Florian Henckel von Donnersmarck torna nella Germania post bellica dove ambienta un ritratto d'artista da giovane con segreto inconfessabile che vorrebbe rinnovare i successi, invero eccessivi, dell'esordio di Le vite degli altri. Con una narrazione che si sviluppa nell'arco di oltre trent'anni - dal nazismo alla caduta del muro - il film si misura con [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 ottobre 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Dopo Le vite degli altri e l'infelice The Tourist, Donnersmarck prova il melodramma storico popolare, ma con molte ambizioni. Un ragazzino cresce sotto il nazismo, nel dopoguerra, sotto il regime comunista, diventa studente d'arte, poi andrà a Ovest e conoscerà il mondo delle avanguardie. Il regista si è spirato alla biografia di Gerhard Richter, ma in realtà racconta soprattutto una storia d'amore [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
giovedì 4 ottobre 2018
 

In occasione dell'uscita al cinema del film, MYmovies.it presenta un video a 360° che permette allo spettatore di provare l'esperienza del red carpet e dell'ingresso in sala alla Mostra del Cinema di Venezia, dove il film di Florian Henckel von Donnersmarck [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 1 ottobre 2018
A cura della redazione

Kurt Barnert, sopravvissuto al bombardamento di Dresda e cresciuto nel blocco dell'Est, ha un talento per il disegno e apprende gli studi classici imposti dal realismo socialista. Ma l'incontro con Ellie, figlia del ginecologo nazista che aveva condannato [...]

TRAILER
martedì 4 settembre 2018
 

Ispirato a fatti realmente accaduti, il film racconta tre epoche di storia tedesca attraverso l'intensa vita dell'artista Kurt Barnert, dal suo amore appassionato per Elisabeth, al complicato rapporto con il suocero, l'ambiguo Professor Seeband che, disapprova [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati