Kommentare (0) | Watch movie | Google Camera

Un affare di famiglia

Film 2018 | Drammatico +13 121 min.

Titolo originaleShoplifters
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneGiappone
Durata121 minuti
Al cinema27 sale cinematografiche
Regia diKore'eda Hirokazu
AttoriLily Franky, Sakura Andô, Mayu Matsuoka, Kirin Kiki, Jyo Kairi, Miyu Sasaki Kengo Kora, Chizuru Ikewaki, Sôsuke Ikematsu, Yôko Moriguchi, Moemi Katayama, Yuki Yamada, Akira Emoto, Naoto Ogata.
Uscitagiovedì 13 settembre 2018
TagDa vedere 2018
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 4,09 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kore'eda Hirokazu. Un film Da vedere 2018 con Lily Franky, Sakura Andô, Mayu Matsuoka, Kirin Kiki, Jyo Kairi, Miyu Sasaki. Cast completo Titolo originale: Shoplifters. Genere Drammatico - Giappone, 2018, durata 121 minuti. Uscita cinema giovedì 13 settembre 2018 distribuito da Bim Distribuzione. Oggi tra i film al cinema in 27 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 4,09 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un affare di famiglia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La famiglia, per definizione, non si sceglie. O forse la vera famiglia è proprio quella che si ha la rara facoltà di scegliere. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, In Italia al Box Office Un affare di famiglia ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 930 mila euro e 240 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
4,09/5
MYMOVIES 4,50
CRITICA 4,10
PUBBLICO 3,68
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il maestro dei rapporti famigliari eleva il suo linguaggio con un'amara analisi delle disuguaglianze sociali. E diventa un classico vivente.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 16 maggio 2018
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 16 maggio 2018

In un umile appartamento vive una piccola comunità di persone, che sembra unita da legami di parentela. Così non è, nonostante la presenza di una "nonna" e di una coppia, formata dall'operaio edile Osamu e da Nobuyo, dipendente di una lavanderia. Quando Osamu trova per strada una bambina che sembra abbandonata dai genitori, decide di accoglierla in casa.

La famiglia, per definizione, non si sceglie. O forse la vera famiglia è proprio quella che si ha la rara facoltà di scegliere. Libero arbitrio parentale: un tema niente affatto nuovo nel cinema di Kore-eda Hirokazu, dallo scambio di figli di Father and Son alla sorellanza estesa di Little Sister.

Ma Un affare di famiglia percorre solo in apparenza binari antichi, nascondendo una differente declinazione della materia, che guarda al sociale come l'autore non faceva dai tempi di Nessuno lo sa. In un'opera brutalmente separata in due atti, che lavora molto sul dialogo con lo spettatore. Il primo segmento sembra esaudire appieno le aspettative di quest'ultimo, introducendolo a un gruppo di ladruncoli che, per interesse prima e per affetto poi, si ritrova a festeggiare un colpo, simulando di avere dei rapporti effettivi di parentela. Tutto sembra procedere nella direzione più attesa, sino alla svolta narrativa che riapre il vaso di Pandora e rimette tutto in discussione. "Buoni", "cattivi", giusto e sbagliato, diventano concetti ribaltati sullo spettatore e sui suoi dubbi, con una padronanza della narrazione - già intravista nel "rashomoniano" The Third Murder - che guarda al relativismo di Kurosawa Akira, ancor più che al consueto termine di paragone di Ozu.

Kore-eda è ormai talmente padrone della propria poetica, elaborata attraverso una lunga e pregevole filmografia, da poterne disporre a piacimento, rivoltandola come un guanto per offrire nuovi punti di vista, nuove ricerche di verità.

Il conflitto tra legge morale e legge sociale trasforma i toni quasi da commedia della rappresentazione della famiglia fittizia in un dramma colorato di nero, che colpisce come una sferzata, dopo aver aperto il cuore al sentimento. Lo scontro tra legge e natura raggiunge il suo apice nell'epilogo di Un affare di famiglia, dimostrando l'invincibilità della prima - che ostruisce la costruzione di un modello alternativo - ma ribadendo con forza le ragioni della seconda.

Un approfondimento sul piano filosofico rispetto al passato dell'autore, che si rispecchia in una maestria formale sempre più stupefacente. Nel primo segmento Kore-eda costruisce una successione di microsequenze mirate ad abbattere ogni resistenza emozionale: il quadro familiare che si ricompone nella plongée dei fuochi d'artificio e poi nell'orizzontalità del bagnasciuga; le simmetrie di lividi e bruciature (le braccia delle donne, le gambe degli uomini), che accomunano paternità o maternità e sembrano segni del destino, esposti di fronte a una giustizia che chiude occhi e orecchie.

Con la grazia che lo contraddistingue nella trattazione delle dinamiche familiari e nelle sfumature di comportamento dei più piccoli, infatti, Kore-eda seziona, con un invisibile bisturi, l'ipocrisia su cui si regge il formalismo nipponico e svela l'abisso che separa le classi sociali. Le professioni umilianti o usuranti che accomunano i membri della "famiglia" costituiscono il nuovo proletariato urbano, assai più eterogeneo e meno leggibile di quello analizzato da Marx. La classe operaia che, anziché sognare il paradiso o una rivoluzione, convive con il "job sharing".

Con Un affare di famiglia si ride, ci si commuove e si rischia di finire con il cuore in frantumi. Mai così pessimista, ma forse mai così lucido, Kore-eda è ormai un classico vivente.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 14 settembre 2018
vanessa zarastro

In “Shoplifters”, titolo internazionale dell’ultimo film di Koreeda che in italiano vuol dire taccheggiatori, il regista prosegue la sua operazione di scavo nella famiglia contemporanea giapponese. Già autore dello stesso tema in “Ritratto di famiglia con tempesta” del 2016, “Little Sister” del 2015 e “Father & Son” del 2013, in “Un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2018
goldy

E’ condizione  sufficiente che un film sia ben fatto perché  sia amato e apprezzato?  Dubito. Se  non coinvolge, non emoziona, non suscita riflessioni  innovative la bravura registica lascia un po’ il tempo che trova. Il film  ha ottenuto La Palma d’Oro a Cannes perché  i giurati  specializzati  sanno apprezzano aspetti estetici [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2018
Flyanto

 Premiato l’anno scorso all’ultimo Festival del Cinema a Cannes, “Un affare di Famiglia” di  Kore’da Hirokazu esce finalmente nelle sale cinematografiche italiane presentando ancora una volta, come è consuetudine di questo regista giapponese, una storia strettamente familiare. La famiglia protagonista è composta da un’anziana nonna sulla [...] Vai alla recensione »

martedì 2 ottobre 2018
kimkiduk

Beh vai a vedere un film quotatissimo, valutato molto, vincitore della Palma d'Oro, non dico ti aspetti un capolavoro ma un bellissimo film si. Direi rimasto abbastanza deluso. La storia è piatta e la società descritta anche. Non ho trovato la cattiveria di un Kim Ki Duk o Miike nè l'eleganza di Kar Wai, tanto per restare nell'estremo oriente o la classe di Kurosawa [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 settembre 2018
Fabio

La Palma d'Oro è andata a questo film e questo certo ingenera aspettative. Sono uscito perplesso ma dichiaro subito che il film mi è piaciuto. Le perplessità riguardano solo l'andamento un po' lento e certe ripetizioni che si potevano tagliare; insomma, il film è di 2 ore "stiracchiate" ma non arriva ad annoiare.

lunedì 17 settembre 2018
FreeRider

La Palma d’Oro non deve necessariamente essere un capolavoro, idealmente dovrebbe essere “solo” il migliore tra i film in concorso e in questo caso, nell’impossibilità di vedere tutti gli altri titoli candidati, il primato relativo conquistato dal film di Kore-eda mi fa pensare a un’edizione festivaliera senza troppi contendenti temibili.

sabato 22 settembre 2018
angelo umana

 Se la famiglia è il posto peggiore dove nascere – che è plausibile e per giunta pare lo abbia detto Sigmund Freud – questa “sfortuna” iniziale può venire emendata: i membri pian piano vanno a comporre una famiglia diversa, non più facendo parte di quella originale, per i motivi più svariati, interesse, affezione che si crea, bisogno di [...] Vai alla recensione »

domenica 30 settembre 2018
stefano capasso

In una piccola baracca vive una comunità eterogenea composta da quelli che appaiono essere mebri di una famiglia tradizionale: genitori, figli, nonna. Vivono arrangiandosi come possono, e un giorno trovano in strada una bambina che accolgono nella loro famiglia. Poco a poco si scoprirà che nessuno dei componenti è legato da vincoli sanguigni.

sabato 29 settembre 2018
minnie

"I bambini ci guardano" e ci giudicano, anche se apparentemente agiamo bene; ma Shota, l'undicenne dallo sguardo intensissimo, mi pare il vero perno di questo film di Kore-Eda che analizza con sguardo anche freddo, quasi da entomologo, una famiglia percorsa da interessi diversi, come accade in ogni nucleo familiare, eppure, al di là dei veri legami di parentela, tenuta insieme [...] Vai alla recensione »

martedì 25 settembre 2018
Maramaldo

Quell'Osamu Shibata (un frizzante e scettico Lily Frank)... Per pigrizia abbandona di notte accanto al lampione il sacchetto della "differenziata". Come uno di noi. Inutile negarlo, simpatico. Cuor d'oro, affettuoso, bisognoso d'affetto. Estremista quanto e più di Proudhon (La proprietà è un furto!). Le cose - spiega - non appartengono a nessuno fino  [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 settembre 2018
loland10

“Un affare di famiglia” (Manbiki kazoku, 2018) è il diciannovesimo lungometraggio del regista di Tokyo Hirokazu Kore'da.             Le essenze dei luoghi, gli incroci tra le persone, il vivere inerme, lo studio di ripresa di un gruppo. La famiglia come indagine di vita o meglio il silenzio tra persone conviventi: una famiglia [...] Vai alla recensione »

domenica 23 settembre 2018
Vincenzo Ambriola

Una metropoli giapponese, forse Tokyo, ma non importa tanto non sapremmo riconoscerne una da un'altra. Una piccola casa giapponese, molto diversa dalle nostre, ambienti piccoli, niente tavoli o letti, tutto è precario, mobile, trasformabile. Una famiglia giapponese, anche questa diversa dalle nostre. Prima di tutto c'è una donna anziana, la nonna, che tutti rispettano e omaggiano, [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 settembre 2018
Flaw54

Film decisamente brutto con un montaggio dilettantesco e recitazione da parte degli adulti che talvolta sfiora il ridicolo. Una noia mortale. I film italiani giustamente discussi per la loro monotonia e ripetitivitá al confronto sono di una vivacità enorme. Proprio non riesco a capire l'entusiasmo suscitato da quest'opera. Va bene l'analisi della famiglia e della società [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2018
francesca50

Con linguaggio asciutto il film non fa riflettere sulle disuguaglianze sociali come una certa critica nostrana d'accatto evidenzia. La storia è tutta basata sull'importanza dei rapporti familiari e con rara maestria e delicatezza analizza come la famiglia è importante se c'è amore e dialogo. Non conta la ricchezza ma la serenità e l'unione che essa ispira.

sabato 22 settembre 2018
mauro.t

In un minuscolo appartamento giapponese vive una piccola comunità di persone legate da rapporti di parentela, che si chiariranno solo alla fine, svelando un passato criminale. Osamu, il padre di famiglia, è operaio edile a cottimo. Anche la sua compagna  Nobuyo è operaia e perderà il posto in un drammatico scontro a eliminazione diretta con una collega.

lunedì 17 settembre 2018
Maurizio.Meres

Senza dubbio un film di grande valore,ambientato in una periferia degradata di una metropoli Giapponese,anche se non viene menzionata si tratta di Tokyo,lo scorrere della vita quotidiana di un gruppo di persone ai margini della vita sociale che con espedienti non proprio onesti cerca di vivere. Questa famiglia,e qui il regista impone allo spettatore la domanda sulla creazione di un nucleo famigliare,si [...] Vai alla recensione »

martedì 18 settembre 2018
cardclau

Un altro film di Kore'eda Hirokazu. La storia raccontata ruota sulla fortissima interazione e interdipendenza di diversi personaggi : Osamu Shibata e Nobuyo Shibata, genitori apprendisti, ma non biologici; Nobuyo Shibata, una figlia tenera che ha imparato dai genitori l’accoglienza; Hatsue Shibata, la nonna, la cui funzione di collante per tutta la “famiglia” è formidabile; [...] Vai alla recensione »

martedì 16 ottobre 2018
michelino

 Bello...molto bello, ha vinto Cannes ma secondo me è più un film da oscar. Questa mia considerazione non è per niente un complimento. Infatti tutti i precedenti film di Kore'eda sono molto migliori dei classici film da oscar. Un affare di famiglia sembra un passo in avanti del suo cinema (che qui si fa più corale) ma in realtà è [...] Vai alla recensione »

sabato 13 ottobre 2018
giorgio47

Un film piacevole e molto bello che affronta con intelligenza, tatto e senza indulgenze il problema della famiglia. Argomento molto di moda ma trattato sempre con stereotipi o con preconcetti e senza mai andare a fondo dell’argomento e dei problemi che esistono. Il film si svolge in due parti ben distinte la prima dove si da una immagine di una famiglia affiatata e comprensiva, anche se anomala [...] Vai alla recensione »

domenica 16 settembre 2018
Emanuele 1968

Il primo tempo un po cosi, improbabile, alcune scene di nudo si potevano evitare, il seconto tempo si rivela molto molto bello, nonna a parte, vita temi bugie molto reali ( voto 4,5 )

FOCUS
FOCUS
sabato 15 settembre 2018
Roy Menarini

Se c'è un regista che sembra possedere le doti e il nitore di un maestro contemporaneo, questo è oggi Kore'eda Hirokazu. Non è semplicemente questione di giudizio, ovvero di quanto sia bravo - questione su cui, sebbene vi sia ampio consenso, si può pur sempre discutere. È piuttosto un fatto di atteggiamento, stile, umanità. Kore'eda sembra, tra i registi in attività, l'unico in grado di rappresentare il mondo e le persone con una forma e un racconto universali e semplici, in grado cioè di reinventare il cinema d'autore dell'epoca d'oro (dagli anni Quaranta agli anni Sessanta), quello che insegnava letteralmente a guardare e a pensare liberamente ad intere platee internazionali. Scriviamo questo perché Un affare di famiglia non andrebbe affatto confinato al circuito del cinema d'essai o allo zoccolo duro dei cinefili attrezzati a un film lento e profondo.

Sarebbe anzi lungimirante, da parte di tanti bravi e preparati docenti delle scuole italiane, scegliere il film di Kore'eda per una mattinata in sala con gli studenti, invece che sottoporre loro i soliti titoli buoni solamente per il dibattito in aula. I ragazzi, se messi nelle condizioni di saper aspettare e saper vedere, ne ricaverebbero un insegnamento profondo, tanto più utile e ricco quanto più articolato e spiazzante sembra il messaggio di Un affare di famiglia.

Essendo impossibile analizzare il film nel dettaglio senza svelare passaggi essenziali e preziosi della trama, ci limiteremo a dire che le svolte narrative, in particolare una, che intervengono a un certo punto, permettono allo spettatore di acquisire una improvvisa coscienza di quanto ha visto fino a quel momento, e a dover integrare le sue emozioni e convinzioni con nuovi schemi di pensiero e nuovi dati di realtà.

INCONTRI
sabato 8 settembre 2018
Marzia Gandolfi

Guardare un film di Hirokazu Kore'eda è come ritrovarsi in famiglia. Da qualche anno il suo cinema ritorna sui medesimi temi: la filiazione, i legami intimi che la biologia impone e le relazioni affettive che scegliamo. Da Nobody Knows a Ritratto di famiglia con tempesta, passando per Still Walking, Father and Son e Little Sister fino ad arrivare a Un affare di famiglia, la sua opera è un grande ma minuzioso studio della cellula familiare.

Un affresco di dolori, espedienti, amarezze e abbandoni ma anche di amore, sovente imperfetto e qualche volta vibrante di calore come questo ritratto di gruppo in un interno e nell'angolo cieco della società.

In occasione dell'uscita di Un affare di famiglia abbiamo incontrato il suo autore.

FOCUS
giovedì 23 agosto 2018
Pino Farinotti

Il festival di Cannes, ha attribuito la Palma d'oro 2018 a Un affare di famiglia, del Giapponese Kore'eda Hirokazu. Un riconoscimento così importante, anzi, il più importante sul piano del cinema inteso come cultura, è legittimo che aprisse un orizzonte infinito di letture, di discussione, persino di Storia. Il film non è facile, l'autore non concede niente, il suo stile non fa prigionieri, l'unica concessione è a se stesso e alle indicazioni che intende portare. Che non hanno confini, appunto. "Gruppo di famiglia in un interno" ma è un interno stipato, angusto, persino sordido, dove alcuni adulti e un bambino vivono nella sporcizia, coi materassi a terra, negli odori della cucina, un micromondo sporco. Per la sopravvivenza si fanno furti nei supermercati. Poi c'è la "nonna" il perno di tutto. L' uomo di casa è Osamu, che una notte raccoglie una bambina abbandonata, Aki, che entra a far parte del gruppo.

Il regista racconta dunque di una famiglia che famiglia non sarebbe, nessuno è legato all'altro dal sangue. Quel quotidiano strappato ora per ora, finisce comunque per creare un legame dalla forza misteriosa, che sorpassa tutto, crimini interni compresi.

Questa visione fa parte della tradizione giapponese, che nelle epoche ha fatto irruzione nel cinema portando contenuti sconosciuti, avvenne nei primi anni cinquanta, quando l'occidente si accorse che molto lontano viveva una cultura cinematografica diversa ma avanzata. Fu quando a Venezia arrivò Kurosawa col suo Rashomon che incantò tutti e vinse il Leone d'Oro, e pochi mesi dopo anche l'Oscar. È solo un indizio perché poi i Giapponesi hanno reinventato e dominato l'animazione, e rivisitato e imposto agli inventori occidentali la violenza estrema.

FOCUS
giovedì 16 agosto 2018
Paola Casella

"Che cosa ci unisce? I soldi?". Questa domanda, espressa da uno dei componenti della "famiglia" al centro del film di Hirokazu Kore'eda che ha conquistato la Palma d'Oro all'ultimo Festival di Cannes, è centrale a tutto lo svolgimento di una storia che affronta - in forma meravigliosamente narrativa - il modo in cui il denaro - o la sua assenza - condizionino i rapporti fra gli esseri umani, soprattutto in una società rigidamente divisa in caste come quella contemporanea giapponese.

I protagonisti di Un affare di famiglia convivono ammassati in uno spazio piccolissimo.

La nonna riceve soldi da un ex marito che le ha preferito un'altra famiglia, l'uomo accetta ingaggi a giornata da un cantiere edile e quando si fa male (sul luogo di lavoro) non ha diritto ad alcun sostegno economico, la donna fa la stiratrice in una lavanderia il cui capo pretende dalle dipendenti uno di quei contratti di solidarietà "con cui si diventa tutti un po' più poveri", la ragazza si esibisce in un peep shop, e il bambino rubacchia qua e là, come gli hanno insegnato gli adulti di casa. Tutti campano di espedienti, nella più totale clandestinità, riuscendo a malapena a sopravvivere.

Frasi
Io l'ho trovata! È stato qualcun altro ad abbandonarla!
Nobuyo Shibata (Sakura Andô)
dal film Un affare di famiglia - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 13 settembre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

La Palma d'oro vinta da «Un affare di famiglia» permetterà al pubblico più aperto ed attento di approfondire la conoscenza del riverito autore nipponico Kore-eda. Piuttosto che operare la solita parafrasi della trama - il mistero aleggiante su un'apparente famiglia di emarginati stipati in una fatiscente casa di Tokyo a poco a poco smascherato da una serie imprevedibile di eventi -si raccomanda l'abilità [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Un adulto che insegna a un bambino a rubare nei negozi. Una ragazzina che si spoglia nei peep show. Una nonna che gioca alle slot machine. Raccontata così, sembrerebbe una famiglia sociopatica e disfunzionale. In realtà, è una famiglia sui generis (anche biologicamente), ma per certi versi, autentica, ideale, quella che poco a poco ci viene svelata da Hirokazu Kore-eda nel suo ultimo film.

sabato 15 settembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Se abbiamo fatto pace (temporanea e sempre revocabile) con il cinema giapponese, il merito va al regista, per il film "Father and Son". La classica favola del figlio scambiato, capace di reggere il dramma di Luigi Pirandello e le gag di Ficarra e Picone nel film "Il 7 e l'8" (erano le culle dei neonati che ora vivono ognuno la vita dell'altro, finchè rivelazione non li farà litigare).

venerdì 14 settembre 2018
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Lasciare sullo sfondo l'efficienza giapponese, il capitalismo sfrenato, la convulsione tecnologica di Tokyo. Dalle vette dei grattacieli abbassare lo sguardo fino ai seminterrati nascosti per scoprirne il sovraffollamento in un disordine che profuma (ancora) di umanità. È li che ci porta il nuovo film di Kore-e-da Hirokazu, acclamato vincitore della Palma d'oro al 71°Festival di Cannes.

martedì 11 settembre 2018
Paola Zonca
La Repubblica

I figli devono crescere con le madri» dice l'assistente sociale a Nobuyo, fermata dalla polizia per sequestro di minore e forse anche per omicidio. «È proprio quello che vogliono far credere le mamme» risponde lei. In questo amaro scambio di battute è sintetizzato il rivoluzionario punto di vista del regista giapponese Hirozaku Kore-eda su cosa sia veramente la famiglia.

venerdì 21 settembre 2018
Daniela Ceselli
Left

Palma d'oro a Cannes Shoplifiers (Un affare di famiglia), ultima prova di Hirokazu Kore'eda, è arrivato nelle nostre sale e si appresta ad essere uno dei film più intensi della stagione. Un uomo (Lily Franky) e un ragazzo (Kairi Jyo) rubano in un esercizio commerciale. Tra loro gioco di sguardi, tempistica perfetta e gesti consolidati dall'abitudine.

domenica 16 settembre 2018
Gian Luca Pisacane
Famiglia Cristiana

Ritratto di famiglia con tempesta (Umi yori mo Mada Fukaku): un titolo del 2016 per definire la poetica di Hirokazu Kore'eda, regista giapponese dell'anima e delle crisi tra padri e figli. Tra le mura domestiche bisogna difendersi dal mondo esterno, dai continui attacchi della follia contemporanea. Il passato avvelena i rapporti, il presente è un luogo oscuro da cui nascondersi.

domenica 16 settembre 2018
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Padre e figlio sono allenati. Basta un cenno e la merce del supermercato finisce nelle loro tasche. Senza rimorsi. «In fondo le cose in vendita non sono di nessuno», perché farsi scrupoli? Così una sera tornando a casa, una casa povera ma piena di gente e di affetto, si portano via qualcosa che forse è davvero di qualcun altro anche se non se la merita.

domenica 16 settembre 2018
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Su un balcone, la piccola Yuri (Miyu Sasaki) ha di nuovo gli occhi disorientati che le abbiamo visto all'inizio di Un affare di famiglia (Manbiki kazoku, Giappone, 2018, 121'). La madre le ha detto qualcosa che ancora la impaurisce, e lei vorrebbe andarsene dal suo amore egoista e ipocrita, tornare da Osamu Shibata (Lily Franky) e da Nobuyo (Sakura Andò), Aki (Maya Matsuoka), Shota (Jyo Kairi), che [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2018
Jessica Kiang
Sight & Sound

Con il film vincitore della Palma d'oro a Cannes, Kore-ed a è tornato nel territorio dei drammi familiari per cui è più conosciuto e amato. In Un affare di famiglia il suo sguardo è feroce, ma anche amorevole come può esserlo quello di una madre che vuole scacciare tutte le paure del figlio. Questo magnifico film è una specie di summa di tutte le migliori qualità di Kore-eda, ripulito dal sentimentalismo [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2018
Alessandra De Luca
Avvenire

Osamu, la moglie Nobuyo, il figlioletto e l'anziana nonna, rubano nei supermercati per sfamarsi. Nonostante la scarsezza di mezzi a disposizione, accolgono in casa anche una bimba affamata e trascurata dalla madre. Sebbene povera e dedita al furto, la strampalata famigliola vive serena e unita finché un incidente rivela la verità sui legami che uniscono adulti e bambini.

giovedì 13 settembre 2018
Stefano Giani
Il Giornale

Taccheggiatori per necessità nel ricchissimo Giappone. Un padre insegna l'«arte» ai figli che la mettono da parte, oltre che in pratica. Fare la spesa non sembra più un problema finché... Il colpo di scena finale sorprende lo spettatore rivelando i retroscena di una famiglia, a dir poco, sui generis. Intrighi e malefatte condiscono un film da Palma d'oro - ha vinto con merito a Cannes - che conferma [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Un affare di famiglia - il titolo italiano per Shoplifters - Palma d'oro allo scorso Festival di Cannes - dove il regista giapponese è stato in concorso diverse volte - inizia come una commedia. Perfettamente coreografati in quella che sembra un'operazione di routine quotidiana, un uomo di mezza età (Lily Franky, abituale collaboratore dell'autore) e un ragazzino (Kairi Jyo) si servono gratuitamente [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Claudio Trionfera
Panorama

Quando l'obiettivo della macchina da presa, piazzata a venti centimetri da terra, riprende la scena in perfetta linea orizzontale e inquadra soltanto il pavimento e le gambe dei protagonisti, allora capisci che lo spirito giapponese di Ozu Yasujirò è dentro Kore'eda Hirokazu, erede non solo suo ma anche del Kurosawa Akira di Dodes'ka-den e della sua intera poetica.

giovedì 13 settembre 2018
Luca Mosso
Tutto Milano

Un ragazzino entra in un supermercato. Un uomo lo supera, accenna a un gesto d'intesa e insieme a lui si avvia verso gli scaffali. I due si muovono coordinati e accorti, l'uomo fa schermo alle operazioni del ragazzo che, con molta discrezione, fa cadere nello zainetto cibo d'ogni tipo. Al termine delle operazioni, l'inquadratura rim-ne vuota e compare il titolo, in originale Shoplifters, taccheggiatori. [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Ritratto di un insolito gruppo in un interno, Un affare di famiglia di Hirokazu Kore-eda, Palma d'oro 2018, può apparire a prima vista un dramma sodale alla Ken Loach su un sottoproletariato urbano costretto a campare di espedienti. Vedi l'iniziale sequenza di furto in un supermercato, perpetrato in complicità da un uomo e un ragazzino malvestiti: padre e figlio? Sulla via del ritorno, Osamu (Lily [...] Vai alla recensione »

martedì 11 settembre 2018
Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Nel nome dei padri, dei figli e delle madri. La famiglia giapponese come motore mobile e immobile del cinema di Hirokazu- Kore-eda, come esplosione e implosione di conflitti tra la morale e la legge, tra la sopravvivenza quotidiana e l'ipocrisia del formalismo di una società che non ha mai abbandonato una rigida strutturazione in classi. È in questo terreno di scontri che il significato profondo di [...] Vai alla recensione »

domenica 20 maggio 2018
Francesco Gallo
La gazzetta del Sud

È una famiglia numerosa quella di Osamu (Frank Lily) e della sua giovane compagna Noboyu (Sakura Ando) che si aggiudica la Palma d'oro al festival di Cannes. Una famiglia allargata, non necessariamente legata a chiari vincoli di sangue. È una piccola comunità che mangia continuamente e, per sbarcare il lunario, commette piccoli crimini, ma è anche molto solidale.

giovedì 17 maggio 2018
Andrea Martini
Quotidiano Nazionale

La Cina si è comprata mezza Hollywood, Giappone e Corea sfornano film a getto continuo con la medesima qualità dei loro prodotti elettronici. Essendosi ristretti gli spazi con il cinema hollywoodiano, che non guarda più alla Croisette con l'interesse di un tempo - con conseguente forte calo di presenze statunitensi - il Festival rafforza il legame con l'Oriente.

martedì 15 maggio 2018
Stenio Solinas
Il Giornale

Il padre insegna al figlio piccolo a rubare, il figlio piccolo fa altrettanto con la sorellina. La sorella maggiore lavora in un peep show e si innamora di un giovane cliente: «Proprio come è successo con tuo padre» le dice contenta la mamma. La nonna ricatta economicamente con il senso di colpa i figli dell'ex marito avuti con la donna per cui venne abbandonata.

martedì 15 maggio 2018
Andrea Fambrosi
L'Eco di Bergamo

Il regista giapponese Hiro-zaku Kore-Eda torna per la settima volta e per la quarta in competizione al Festival di Cannes, con il suo nuovo film «Manbiki Kazo-ku» (Un affare di famiglia), presentato, appunto, in concorso. Gli spettatori più attenti ricorderanno i suoi precedenti titoli trai quali «Ritratto di famiglia con tempesta», «Little Sister» o, ancora «Father and Son».

NEWS
BOX OFFICE
giovedì 20 settembre 2018
Andrea Chirichelli

Gli Incredibili 2 (guarda la video recensione) sbarca in forze sul territorio italiano con oltre 800 sale a disposizione e il risultato è un facile primo posto ottenuto con 600mila euro e quasi 100mila presenze al cinema.

DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 17 settembre 2018
Vanessa Zarastro

In Shoplifters (guarda la video recensione), titolo internazionale dell'ultimo film di Kore-eda che in italiano vuol dire taccheggiatori, il regista prosegue la sua operazione di scavo nella famiglia contemporanea giapponese.

BOX OFFICE
domenica 16 settembre 2018
Andrea Chirichelli

Per soli 700 euro Mamma Mia! Ci risiamo (guarda la video recensione) riesce a restare in testa nella giornata di ieri con un parziale di 222mila euro, la stessa cifra portata a casa da Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa (che però vince nettamente [...]

BOX OFFICE
venerdì 14 settembre 2018
Andrea Chirichelli

Ottimo esordio per Un affare di famiglia (guarda la video recensione), film vincitore della Palma d'Oro 2018 che entra subito in top ten con la seconda media copia della giornata (349 euro). È lecito aspettarsi un significativo passaparola che porterà [...]

VIDEO RECENSIONE
mercoledì 5 settembre 2018
A cura della redazione

In un umile appartamento vive una comunità di persone che sembra unita da legami di parentela. Così non è, nonostante la presenza di una nonna, di una coppia e una bambina trovata per strada. La famiglia, per definizione, non si sceglie, o forse la vera [...]

CELEBRITIES
mercoledì 5 settembre 2018
Marzia Gandolfi

I film di Hirokazu Kore'eda hanno sempre accordato all'infanzia un'importanza centrale: in qualità di soggetto, bambini abbandonati alla loro sorte (Nessuno lo sa) o separati da un divorzio (I Wish), ma anche in quella di oggetto della discordia, pedine [...]

CELEBRITIES
domenica 26 agosto 2018
Emanuele Sacchi

Alle spalle ha un albero genealogico complesso, dominato dal cinema. Davanti a sé un futuro ricco di opportunità, vista la reputazione di cui gode a 32 anni Sakura Ando. Recente protagonista di Un affare di famiglia - il film che ha vinto la Palma d'oro [...]

GUARDA L'INIZIO
lunedì 20 agosto 2018
 

Dopo uno dei loro furti, Osamu e suo figlio si imbattono in una ragazzina in mezzo ad un freddo glaciale. Dapprima riluttante ad accoglierla, la moglie di Osamu acconsente ad occuparsi di lei dopo aver appreso le difficoltà che la aspettano.

TRAILER
lunedì 6 agosto 2018
 

Dopo uno dei loro furti, Osamu e suo figlio si imbattono in una ragazzina in mezzo ad un freddo glaciale. Dapprima riluttante ad accoglierla, la moglie di Osamu acconsente ad occuparsi di lei dopo aver appreso le difficoltà che la aspettano.

POSTER
lunedì 30 luglio 2018
 

Dopo uno dei loro furti, Osamu e suo figlio si imbattono in una ragazzina in mezzo ad un freddo glaciale. Dapprima riluttante ad accoglierla, la moglie di Osamu acconsente ad occuparsi di lei dopo aver appreso le difficoltà che la aspettano.

BOX OFFICE
martedì 17 luglio 2018
Andrea Chirichelli

Torna in testa al box office italiano La prima notte del giudizio, che ieri ha incassato oltre 60mila euro e scavalca nuovamente 12 Soldiers (guarda la video recensione), fermatosi a 44mila euro. Sul podio resta Jurassic World - Il regno distrutto (guarda [...]

[LINK] FESTIVAL
martedì 5 giugno 2018
Paola Casella

"Quest'anno il programma di Le vie del cinema da Cannes a Roma e in Regione è snello ma sostanzioso", afferma Georgette Ranucci, Direttrice creativa uscente (così afferma lei, ma in molti la pregano di restare) dopo 23 anni alla guida della rassegna [...]

winner
palma d'oro al miglior film
Festival di Cannes
2018
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati